Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Indiscreto

Esercizio abusivo della professione: Iacopino denuncia Barbara D'Urso

Il presidente dell'Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino, denuncia Barbara D'Urso per esercizio abusivo della professione. "E' una soubrette non una giornalista".

AdminSito
martedì 25 novembre 2014 19:03

Barbara D'Urso
Barbara D'Urso

Il presidente dell'Ordine dei giornalisti Enzo Iacopino ha inviato una denuncia nei confronti di Barbara D'Urso alle Procure di Milano e Roma, all'Agcom, al Garante per la protezione dei dati personali e al Comitato Media e minori per esercizio abusivo della professione.

In un post su Facebook dal titolo "Soubrette e informazione. La prima denuncia", Iacopino pubblica il documento dell'esposto da lui firmato nel quale sottolinea che "la signora D'Urso pur non essendo iscritta all'Albo dei giornalisti compie sistematicamente un'attività (l'intervista) individuata come specifica della professione giornalistica, senza esserne titolata e senza rispettare le regole".

Sotto accusa le interviste a "Domenica Live"
Il riferimento è alla trasmissione di Canale 5 "Domenica Live" nella quale vengono realizzate interviste "con modalità che non tengono conto di esigenze quali la difesa della privacy e/o il coinvolgimento dei minori".

Iacopino aveva anticipato l'iniziativa in un post pubblicato su Facebook qualche giorno fa: "Basta soubrette, ora le denunciamo", scriveva. "L'informazione è materia delicata. Basta con l'occhio umido e la recitata partecipazione alle tragedie. Basta con il dolore come ingrediente dello spettacolo per fare audience. Basta con le banalità/bestialità dispensate a piene mani, soprattutto nelle tv, da chi si preoccupa solo di come aumentare il personale compenso, passando sopra a diritti e sentimenti (Sarah Scazzi, Yara Gambirasio, Melania Rea, Melissa Bassi e, da ultimo, Elena Ceste: tanto per citare alcuni casi e tutti coloro i quali a queste vicende sono collegati), anche di persone estranee alle vicende che possono avere un interesse pubblico".

Il presidente: "Al vaglio altre denunce"
Il presidente dell'Odg avverte che sono al vaglio altre segnalazioni oltre al caso D'Urso: "Non pensavo solo a lei, non agiremo solo nei suoi confronti. Mi arrivano le prime segnalazioni in tema di esercizio abusivo della professione. Dobbiamo controllarle, ovviamente (ne capite le ragioni, vero?) e, quindi, occorrerà del tempo", spiega Iacopino.

 
Connetti
Utente:

Password: